L' ANGOLO DOLCISSIMO

Benvenuti nel mio angolo dolcissimo costruito con tanto amore e passione. Se ti fa piacere seguirmi clicca a destra su "unisciti a questo sito" e diventerai lettore fisso del blog, oppure se vuoi ricevere le ricette via email iscrivi alla newsletter.

PIPAREDDHI

 Sono biscotti secchi tipici calabresi  ripieni di mandorle, sono molto sottili e croccanti.

La preparazione è uguale a quella dello stomatico, con la differenza che nelle piparelle (pipareddhi) le mandorle vengono inserite nell’impasto e vengono tagliati sottilmente e di traverso (come ho fatto io), nel secondo invece le mandorle vengono cosparse sulla superficie dell’impasto e viene tagliato piuttosto spesso.   

Tradizionalmente vengono serviti a fine pasto assieme a dei liquorosi per facilitare la digestione.

Si mantengono a lungo, per settimane, basta tenerli in un sacchetto di plastica.




ingredienti:
1 kg di farina 00 Molino Chiavazza
500 gr di zucchero
40 gr di ammoniaca per dolci
1 bicchiere e mezzo di olio d'oliva
1 bustina di cannella
1 bustina di chiodi di garofano
350 gr di mandorle leggermente tostate
essenza all'arancia (da un sapore fine al dolce)

1^ operazione:
come prima cosa bisogna sciogliere metà dello zucchero (250 gr) in un pentolino a lento fuoco fin quando s'imbrunisce ma non fatelo bruciare. 

Togliete dal fuoco e versate un bicchiere di acqua tiepida (a filo ) e contemporaneamente rimestare. Lasciate intiepidire.

N.B. questa prima operazione è fondamentale per la riuscita del dolce ed è molto delicata perchè bisogna avere un pò di praticità. Magari la prima volta vi verrà difficile l'operazione, ma non temete, chi la dura la vince :)

2^ operazione:
una volta tiepido si uniscono tutti gli altri ingredienti e si impasta bene bene per ottenere un composto omogeneo, compatto. Fare dei filoncini di circa cm 3 di diametro e spennellarli con del latte.

Foderate una teglia con della carta forno, adagiate i filoncini distanziandoli e cuocete a 180° per circa 15-20 minuti a forno statico (parte centrale del forno).

3^ operazione:
Una volta cotti lasciateli raffreddare, tagliateli sottilmente e rinfornateli in forno preriscaldato a 120° per altri 10 minuti circa e una volta spento il forno lasciateli ancora dentro per una mezz'ora, avendo cura di girarli di tanto in tanto.



 CON QUESTA RICETTA HO PARTECIPATO E VINTO IL SEGUENTE CONTEST

5 commenti:

  1. Ciao!!! Che buoni!!!! non sapevo questa differenza con le mandorle...e lo stomatico...boh!!!?? ma mi sa che sono proprio deliziosi!!!!...questo l'ho capito!!^_^ Buona notte!

    RispondiElimina
  2. Ciao ilenia :) questi sono uno tira l'altro, li preferisco allo stomatico solo per il taglio che è molto fine e poi ci sono più mandorle :)

    Dolce notte!

    RispondiElimina
  3. sono una delizia, vorrei provare a farli ma mi trattiene lo zucchero che deve essere sciolto....................................

    RispondiElimina
  4. complimenti per la meritata vittoria questi biscotti sono favolosi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao :) grazie mille sono davvero buonissimi questi biscotti, uno tira l'altro ...

      Elimina